Giornalista minacciato a Lecco, solidarietà dall'Ordine della Lombardia

Ancora un episodio di intimidazione e minacce ai giornalisti che si occupano quotidianamente del delicato lavoro della cronaca locale. Un corrispondente della Provincia di Lecco, Giuseppe Grossi, è stato colpito da uno schiaffo e da un pugno, spintonato a terra contro un vaso di cemento da una persona che aveva chiesto d’incontrarlo, dopo la pubblicazione di un suo articolo che parlava della costruzione di un capannone, a Valmadrera. L’Ordine dei giornalisti della Lombardia esprime piena solidarietà al collega Grossi. "Da anni denunciamo il fatto che, nelle province lombarde e soprattutto nella cronaca locale, c’è un pesante clima di ostilità nei confronti dei cronisti che hanno l’unica colpa di svolgere correttamente il proprio lavoro - dice Gabriele Dossena, presidente dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia

- Nel 2016, in Lombardia, sono stati 50 gli episodi di intimidazione e minacce nei confronti dei giornalisti. Un fenomeno preoccupante che non giova al diritto di cronaca, alla libertà di stampa, al diritto costituzionale a essere informati e alla democrazia".