Il Fondo librario del Master "Walter Tobagi" (ex Ifg De Martino) alla Biblioteca Sormani

In occasione del 35° anniversario dell’assassinio di Walter Tobagi, giovedì 28 maggio, nella Sala del Grechetto di via Francesco Sforza 9, a Milano, alla presenza dei figli Benedetta e Luca (nella foto di Alessio Chiodi) si è svolta la cerimonia d’inaugurazione del Fondo librario donato alla Biblioteca Sormani dall’Ordine dei giornalisti della Lombardia e dal Master in giornalismo dell’Università Statale di Milano, intitolato a Walter Tobagi. Il Master è naturale erede dello storico Istituto Carlo De Martino per la formazione al giornalismo.
A tenere a battesimo la donazione del Fondo librario sono stati il presidente dell’Ordine della Lombardia, Gabriele Dossena, l'ex presidente dell’Associazione lombarda giornalisti, Giovanni Negri, il direttore della Biblioteca Sormani, Stefano Parise, il direttore della Scuola di giornalismo Walter Tobagi, Marco Cuniberti, docente di Diritto  dell’informazione all’Università Statale. E' intervenuta come relatrice Ada Gigli Marchetti, docente di Storia dei media all’Università Statale con una relazione dal titolo “Tobagi e il suo tempo”. Le conclusioni sono state affidate a Benedetta e Luca Tobagi, figli di Walter. Ha coordinato l’incontro Mario Consani, presidente dell'Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo. Il Fondo librario donato alla Biblioteca Sormani (grazie anche alla fattiva e preziosa collaborazione di Piergiorgio Corbia) è di 2.500 libri e di 137 tesi di laurea. La Scuola di giornalismo Carlo De Martino è stata fondata il 27 novembre 1974 dall'allora (e primo) presidente Carlo De Martino ed è stato il primo esperimento di scuola di giornalismo in Italia. Il primo biennio è stato quello del 1977-1979. Nel2009, con il ritiro della regione Lombardia dal finanziamento dell'iniziativa, la Scuola di giornalismo di Milano è diventata Master/Ifg post universitario grazie a un accordo tra l'Ordine dei giornalisti della Lombardia e l'Università Statale di Milano. L'accesso al Master (chep prepara 30 allievi-praticanti) è tramite concorso. Oggi siamo al sesto biennio.