Ordine dei giornalisti della Lombardia Unione artigiani Milano, Monza Brianza: accordo di collaborazione sul lavoro di giornalisti multimediali e uffici stampa

Giornalisti&imprese insieme in un patto per l’informazione. Ordine dei giornalisti della Lombardia e Unione Artigiani della Provincia di Milano, Monza e Brianza hanno siglato una convenzione per l’utilizzo di giornalisti (professionisti e pubblicisti) nella posizione di ufficio stampa, comunicazione e social media manager presso le aziende iscritte all’associazione imprenditoriale. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia Alessandro Galimberti e il Segretario generale dell’Unione artigiani della Provincia di Milano, Monza e Brianza hanno firmato - oggi nella sede dell’Odg Lombardia – un accordo di collaborazione per l’utilizzo di giornalisti iscritti all’Albo nella realizzazione di servizi giornalistici cartacei, multimediali e digitali e per l’utilizzo di uffici stampa nelle imprese artigiane. In particolare, si legge nel testo della convenzione, “L’Unione Artigiani della Provincia di Milano, Monza e Brianza si impegna a invitare i propri iscritti a utilizzare giornalisti iscritti all’Albo (Professionisti e/o Pubblicisti) per attività di ufficio stampa e per la realizzazione di house organ, storytelling, mobile journalism e brand journalism nonché per la gestione dei social network con taglio e professionalità giornalistica nel pieno rispetto della Carta dei doveri del giornalista del 27 gennaio 2016 con remunerazione adeguata alla prestazione resa in termini di tempo e professionalità impiegati per l’opera resa, tramite accordo scritto tra l’impresa artigiana e il giornalista”.

Nella sola area metropolitana milanese le imprese artigiane (aziende e imprese individuali) sono 70.651 (di cui 27.609 nella città di Milano e 43.042 nella cintura metropolitana. Ma diventano 90 mila se si somma l’area metropolitana milanese alla provincia di Monza e Brianza. I dati si riferiscono al al 31.12.2018) e dal 2009 al 2018 (periodo di forte crisi per gli altri settori industriali e commerciali e per l’editoria stessa) sono aumentate di circa tremila unità, con una crescita del 4,3% in otto anni. Gli iscritti all’Ordine dei giornalisti della Lombardia (sempre al 31.12.2018) erano 23.863 (di cui 8.246 professionisti e 13.355 oltre a 303 praticanti e 1.959 dell’elenco speciale): di questi 5.576 nella provincia di Milano e 436 nella provincia di Monza e Brianza.

“Siamo consapevoli e fiduciosi di aver segnato un passo molto importante per la professione, per i colleghi, per il lavoro e per l’informazione – ha dichiarato il presidente di OgL Galimberti – e ci auguriamo di poter estendere al più presto questa convenzione ad altre categorie e associazioni. Il carattere propulsivo e innovatore delle imprese artigiane nell’economia del territorio è di indubbio significato.  Questo accordo di collaborazione - ha aggiunto Galimberti - può fornire valore aggiunto prezioso a entrambi i settori, quello degli artigiani e quello dei giornalisti ed è la dimostrazione che si può fare buona comunicazione aziendale rispettando la deontologia dei giornalisti e l’equo compenso. Questo accordo è un segno di civiltà e di serietà professionale. Mi auguro che sia il primo di una serie”, sottolinea Galimberti.

“Per noi è una opportunità e un piacere sottoscrivere questo accordo perché siamo rispettosi della legalità, delle qualifiche e del regolare lavoro delle professioni e dei mestieri – è il commento dell’avvocato Marco Accornero, Segretario generale dell’Unione artigiani della Provincia di Milano, Monza e Brianza – Gli artigiani hanno un grande patrimonio di valori e di lavoro da comunicare, sappiamo che i giornalisti hanno il dovere costituzionale di informare e che i cittadini hanno il diritto a essere informati. Ma soprattutto oggi, in epoca di fake news, sappiamo anche che il racconto della verità dei fatti deve essere affidato ai giornalisti che per “mestiere” fanno questo lavoro. Il mondo artigiano si sta aprendo ai nuovi media e al digitale, abbiamo quindi bisogno di professionisti seri che sappiano divulgare i nostri valori e il nostro lavoro non come operazioni di marketing ma con taglio e professionalità giornalistiche”. In allegato il pdf del testo della convenzione tra Ordine dei giornalisti della Lombardia e l'Unione artigiani della Provincia di Milano, Monza e Brianza.