Primo Piano

Mercoledì, 27 maggio 2020 Attualità
Quarant’anni fa Walter Tobagi, giornalista del Corriere della Sera, veniva assassinato dai terroristi. Era il 28 maggio 1980. A quarant’anni dall’omicidio l’Ordine dei giornalisti della Lombardia e l’Associazione Walter Tobagi hanno istituito un premio destinato ai tre migliori articoli dei giovani praticanti delle tre scuole di giornalismo lombarde, il Master della Statale (erede dell’ex Ifg, Istituto per la formazione al giornalismo dell’Ordine lombardo), il Master dell’Università Iulm e il Master dell’Università Cattolica.

Emergenza coronavirus e sostegno al lavoro autonomo giornalistico: recepite le misure richieste dall'Odg Lombardia

Reddito di ultima istanza. L’articolo 44 del decreto legge “Covid 3” pubblicato sulla Gazzetta ufficiale ha recepito la richiesta dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, formalizzata lo scorso 12 marzo dal presidente Alessandro Galimberti al premier Giuseppe Conte e al sottosegretario Andrea Martella, ai quali va il ringraziamento per aver mosso un primo, importante ma non esaustivo passo verso le fasce più deboli di una professione complessivamente in grande difficoltà. 
Come funziona il sostegno al reddito.
Chi ne ha diritto? I professionisti e i pubblicisti iscritti all’Inpgi2  Leggi tutto »

Emergenza coronavirus: l'Ordine Lombardia chiede al Governo misure straordinarie per i freelance

Il presidente Alessandro Galimberti a nome del Consiglio della Lombardia ha inviato al premier Giuseppe Conte e al sottosegretario con delega all’Editoria, Andrea Martella, una richiesta da inserire nel decreto legge “misure urgenti per imprese, lavoro e famiglia”. Indennità immediata da 500 euro per i giornalisti non subordinati/parasubordinati e la sospensione dei contributi previdenziali e assistenziali come primo tampone per la drammatica congiuntura, in attesa di interventi più strutturali in fase di conversione del Dl. Leggi tutto »

Emergenza Coronavirus: controlli semplificati per la mobilità dei giornalisti in servizio a Milano, Monza Brianza, Varese, Como, Lecco, Sondrio, Bergamo, Brescia, Mantova, Cremona, Lodi

L’intesa dell’8 marzo u.s. tra l’Ordine dei giornalisti della Lombardia e la Prefettura di Milano viene confermata anche dopo le nuove misure di contenimento adottate dal Governo. L’accordo per i controlli semplificati sulla mobilità dei giornalisti viene esteso da oggi anche alle province di Monza e Brianza, Varese, Como, Lecco, Sondrio, Bergamo, Brescia, Mantova, Cremona, Lodi. L’attività di cronaca e di informazione è considerata essenziale, tanto più nella congiuntura attuale. Si raccomanda di portare sempre con sé il tesserino professionale e, a richiesta, di giustificare lo spostamento da/per la redazione o per lo svolgimento di un incarico di lavoro.  Leggi tutto »

Coronavirus: archiviata la diffida a due cronisti nella ex zona rossa. Galimberti (OgL): “Riconosciuto il diritto di cronaca”. La Guardia di Finanza: “Caso peculiare dovuto a emergenza. Irrinunciabile la collaborazione organi di stampa e forze dell’ordine

Il Comando Regionale Lombardia della Guardia di Finanza ha comunicato formalmente che la  “diffida uso improprio di riprese foto/video” notificata la scorsa settimana a due giornalisti de Il Giorno e Il Cittadino di Lodi, sarà archiviata. Ne dà notizia il presidente dell’Ordine di giornalisti lombardi, Alessandro Galimberti, che aveva presentato nell’interesse dei due cronisti una nota di formale contestazione per la revoca del provvedimento. Ai colleghi, che stavano documentando una raccolta di firme per la riapertura di un esercizio commerciale a Casalpusterlengo, era stata contestata la captazione illecita di immagini della pattuglia del Gruppo Pronto Impiego di Milano (Baschi Verdi). Secondo il legale dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Cristina Lenoci, i giornalisti stavano legittimamente svolgendo il proprio lavoro nel pieno rispetto delle regole deontologiche (delibera 491/2018 del Garante Privacy) e prima ancora dei principi costituzionali che regolano la professione. Leggi tutto »

Coronavirus, intesa con il Prefetto di Milano: i giornalisti in servizio possono circolare nell’area metropolitana 

In relazione al Dpcm 8 marzo “Coronavirus”  (Misure urgenti di contenimento del contagio) e d’intesa con la Prefettura di Milano si comunica che: 
• i giornalisti in servizio presso le redazioni e/o incaricati per servizi esterni possono circolare all’interno della città metropolitana 
• si consiglia di girare sempre muniti del tesserino professionale
• si invita comunque a seguire sempre scrupolosamente le prescrizioni delle autorità sanitarie per prevenire ulteriori contagi. Leggi tutto »

Ordine giornalisti Lombardia: gli uffici di Milano sono chiusi al pubblico, ecco come contattare gli sportelli

A seguito dell’aggravarsi dell’epidemia cosiddetta “Coronavirus/Covid19” e all’esito dei due Dpcm del 4 marzo (Gazzetta ufficiale n. 55) e dell’8 marzo 2020 (G.U. n. 59), gli uffici dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia di via Antonio da Recanate 1, a Milano, resteranno chiusi al pubblico fino a nuova disposizione. Gli iscritti e il pubblico potranno contattare in orario d’ufficio i seguenti numeri di telefono:
• 335.7227239: Elisabetta Graziani (direttore Uffici)
• 335.7058041: Anna Contini (segreteria del Presidente)
• 335.7227240:  Rosangela Petruzzelli
(responsabile Segretaria e sportello iscritti) 
• 335.7817492: Paolo Pozzi
(portavoce del Presidente e coordinatore ufficio Formazione)
• 360.1041183: Antonella Magrì (segreteria ufficio Formazione)
Leggi tutto »

"Emergenza coronavirus", il richiamo dell'Ordine giornalisti Lombardia: verifica delle fonti, rifiuto del sensazionalismo, rispetto della dignità dei malati, linguaggio appropriato e continenza dei titoli

L’emergenza nazionale e internazionale provocata dal Covid-19/Coronavirus ha purtroppo determinato nelle ultime settimane gravi anomalie anche nel sistema dell’informazione, al netto dell’imponente, puntuale e coraggioso lavoro svolto da decine di cronisti. 

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia non può esimersi dal richiamare direttori, vicedirettori capiredattori e i singoli colleghi allo scrupoloso e attento rispetto dei doveri deontologici imposti dalla legge e dalle Carte deontologiche in materia sanitaria, in particolare: 

1)    al rispetto dei diritti e della dignità delle persone malate
2)    a evitare un sensazionalismo che potrebbe far sorgere timori o speranze infondate
3)    a diffondere notizie sanitarie solo se verificate con autorevoli fonti scientifiche Leggi tutto »

Dichiarazione dei redditi a prezzi agevolati per i nostri iscritti

Il Consiglio dell’Ordine della Lombardia ha deliberato la sottoscrizione di una nuova convenzione per le dichiarazioni fiscali per i nostri iscritti all’Albo, accordo concluso a prezzi agevolati rispetto a quelli medi di mercato. Il servizio prevede la presa in carico della documentazione, la compilazione e la trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali all’Agenzia delle Entrate. Due le fasce di costo del servizio, legate ai livelli reddituali: 25 euro per il Modello 730 e di 35 euro per il Modello Unico per gli iscritti con reddito lordo annuale al di sotto della soglia di 22 mila euro, mentre è di 40 euro per il Modello 730 e di 60 euro per il Modello Unico per gli iscritti che guadagnano più di 22 mila euro/anno.  Leggi tutto »

Coronavirus, lo sport a porte chiuse. Accordo tra la Lega calcio e le società di Serie A: ammessi 50 giornalisti per ogni partita

Partite di calcio a porte chiuse, a causa dell’emergenza Coronavirus, ma da oggi, oltre agli operatori di routine, c’è la possibilità di accesso allo stadio anche per 50 giornalisti e fotografi a ogni partita: è questa la sintesi di un accordo sottoscritto dalla Lega Calcio con le società di Serie A. A patto che vengano garantite le misure sanitarie stabilite dal Dpcm del 4 marzo. I giornalisti presenti e ammessi in Tribuna stampa dovranno mantenersi, infatti, a 2 metri di distanza l’uno dall’altro. I pass verranno rilasciati dalla squadra che ospita. I 50 giornalisti e fotografi ammessi nei vari stadi, in ogni caso, dovranno scrupolosamente attenersi alle disposizioni stabilite dall’accordo. Leggi tutto »

Condividi contenuti