Primo Piano

Mercoledì, 17 ottobre 2018 Attualità

(Ansa) – Roma, 17 ottobre 2018 - Nuove modalità di accesso alla professione giornalistica, che prevedano accanto alla laurea anche un corso universitario di un anno; più vigilanza per l'iscrizione all'elenco dei pubblicisti, con un percorso biennale maggiormente documentato per verificare che non ci siano abusi e che l'attività sia svolta correttamente; il superamento del carattere di esclusività professionale, purché non ci sia conflitto di interesse; la regolamentazione del settore degli uffici stampa con l'istituzione di un registro. Infine il cambio del nome in Ordine del Giornalismo, affinché sia chiara la funzione di un'istituzione deputata, per legge, a garantire il diritto dei cittadini a essere informati nel rispetto dell'Art.21 della Costituzione. Sono i nodi centrali espressi nelle Linee Guida per la riforma dell'Ordine dei Giornalisti approvate a larga maggioranza la notte scorsa dal Consiglio Nazionale e presentate questa mattina a Roma. 

IL RECETTORE DELLA COMUNICAZIONE SOCIALE: ATTESE, DIRITTI E DOVERI


PAOLO VI
MESSAGGIO DEL SANTO PADRE
PER LA XII GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI
IL RECETTORE DELLA COMUNICAZIONE SOCIALE:
ATTESE, DIRITTI E DOVERI
Leggi tutto »

GIOVANNI PAOLO II MESSAGGIO DEL SANTO PADRE PER LA 27a GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Cari fratelli e sorelle, Ad un anno dalla pubblicazione della Istruzione Pastorale Aetatis
novae sui mezzi di comunicazione sociale, invito tutti voi ancora una
volta a riflettere sulla visione che l’Istruzione ha presentato del
mondo moderno e sulle implicazioni pratiche delle situazioni in essa
descritte.

CARLO MARIA MARTINI LETTERA PASTORALE (1991-1992) IL LEMBO DEL MANTELLO

[1]       La folla si
accalca attorno a Gesù e lo preme da ogni parte. D’improvviso Gesù
domanda: “Chi mi ha toccato?”. Pietro gli dice: “Maestro, la folla ti
stringe da ogni parte e ti schiaccia. Come puoi fare una domanda
simile?”. Ma Gesù insiste: “Ho sentito che una forza è uscita da me!”.

CONCILIO VATICANO II DECRETO INTER MIRIFICA SUGLI STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE SOCIALE 4 dicembre 1963

INTRODUZIONE   Significato dei termini 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che,

GIOVANNI PAOLO II MESSAGGIO DEL SANTO PADRE PER LA 28a GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Cari fratelli e sorelle, Negli ultimi decenni, la televisione ha rivoluzionato le
comunicazioni influenzando profondamente la vita familiare. Oggi, la
televisione è una fonte primaria di notizie, di informazioni e di svago
per innumerevoli famiglie fino a modellare i loro atteggiamenti e le

Informazione e missione nella Chiesa del terzo millennio


DIONIGI TETTAMANZI

90° di fondazione del settimanale cattolico Luce
Intervento all’incontro con i giornalisti
Varese-Teatro Tenda, 30 gennaio 2004

Informazione e missione
nella Chiesa del terzo millennio
Leggi tutto »

GIOVANNI PAOLO II MESSAGGIO DEL SANTO PADRE PER LA 13a GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Carissimi fratelli e figli della Santa Chiesa! Con sincera fiducia e viva speranza, con i sentimenti cioè che
hanno segnato fin dall’inizio il mio servizio pastorale sulla Cattedra
di Pietro, mi rivolgo a voi e, in particolare, a quanti tra voi si
occupano di comunicazioni sociali, nel giorno che il Concilio Vaticano

GIOVANNI PAOLO II MESSAGGIO DEL SANTO PADRE PER LA 29a GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI


GIOVANNI PAOLO II
MESSAGGIO DEL SANTO PADRE PER LA 29a GIORNATA MONDIALE
DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI
Leggi tutto »

Condividi contenuti