Media News Estero

Tunisia, giornalisti e avvocati in piazza per la libertà di stampa

Giornalisti e avvocati tunisini in agitazione contro il controllo dei media da parte del governo. Domenica centinaia di persone sono scese in piazza a Tunisi e oggi (martedì 17 settembre) il sindacato dei giornalisti ha indetto una nuova manifestazione. Motivo scatenante delle proteste l'arresto del giornalista televisivo Zied el-Heni, finito in carcere per aver accusato un procuratore di aver falsificato delle prove in un processo che vede implicati un cameraman e un politico. El-Heni è stato liberato ieri dopo un fine settimana passato in carcere e dopo l'ondata di proteste generate dal suo fermo. I manifestanti hanno marciato in difesa della libertà di espressione messa sempre più in pericolo dal Governo guidato dal partito islamista di Ennahda. Leggi tutto »

L'Huffington Post apre l’edizione tedesca il 10 ottobre

L'Huffington Post si amplia ancora. Il quotidiano online e aggregatore di notizie americano continua ad aprire nuove edizioni in tutto il mondo. Il 10 ottobre sarà lanciata in Germania la versione tedesca. Il giornale, come reso noto in una conferenza stampa a Monaco, partirà con una redazione di 15 persone e il direttore sarà Sebastian Matthes (36 anni), proveniente dal settimanale economico Wirtschaftswoche. Entro il 2016, il giornale online vuole avere bilanci in attivo nell’ordine di svariati milioni di euro. Il sito tedesco sarà diretto in Germania, Austria e Svizzera. Fondato nel 2005 l’Huffington Post è diventato uno dei principali siti di informazione in rete con diramazioni in diverse lingue. Leggi tutto »

La Siria è il Paese più pericoloso al mondo per i cronisti, uccisi 84 giornalisti dall’inizio della guerra

La Siria è ormai "il Paese più pericoloso per i giornalisti. Ben 84 reporter sono stati uccisi" da quando sono esplose le rivolte, nel marzo del 2011, e "più di una dozzina risultano dispersi". E' quanto si legge in un rapporto della Commisione d’inchiesta dell’Onu guidata dal brasiliano Paulo Pinheiro, a pochi giorni dalla liberazione di Domenico Quirico (in foto).

Twitter prepara lo sbarco in Borsa. In America

ANSA) Un cinguettio miliardario risuona nei mercati finanziari Usa: Twitter mette in moto i piani per l’atteso sbarco in Borsa e presenta in via ”confidenziale” alla Sec, la Consob americana, la documentazione S-1, propedeutica all’initial public offering (ipo). L’annuncio arriva con un tweet dopo la chiusura di Wall Street: ”Abbiamo presentato in modo confidenziale l’S1 alla Sec per la prevista ipo. Questo tweet non costituisce un’offerta di titoli per la vendita”, precisa la stessa azienda. ”Ora si torna a lavorare” è il secondo messaggino della società dopo l’annuncio a sorpresa, che giunge nel giorno dei nuovi massimi storici di Facebook. Leggi tutto »

Pubblicità: negli Usa è tornato il segno positivo. Da sei mesi

Sul mercato americano nel secondo quadrimestre 2013 la spesa totale nell’advertise è aumentata del 3,5% rispetto allo stesso periodo del 2012. Da giugno ad agosto 2013 la spesa totale è stata di 35,8 miliardi di dollari. I dati sono stati pubblicati da Kantar Media, network di consulenza strategica in campo pubblicitario. I dati complessivi dei primi sei mesi dell’anno in corso descrivono una crescita del 2% che, quantificati in 68,9 miliardi di dollari. La crescita è guidata da due fenomeni non comuni, commenta Jon Swallen, chief research officer di Kantar Media per il Nord America. Il primo: l’anno scorso c’è stata una deflazione nel mercato. Leggi tutto »

Condividi contenuti