Media News Estero

Jeff Bezos (n. 1 di Amazon) compra il Washington Post. Ora la carta fa gola al re delle vendite su Internet

Jeff Bezos, fondatore di Amazon, acquista il Washington Post (e le sue controllate editoriali) per 250 milioni di dollari. Lo riferisce lo stesso quotidiano americano sulla sue prima pagina. Nell'operazione di acquisto figura solo Bezos come singolo investitore e non è coinvolta la società Amazon, colosso americano di vendita di prodotti su Internet con sede a Seattle, nello Stato di Washington. In foto Jeff Bezos sulla cover di Fortune.

Il New York Times Company (s)vende il Boston Globe

(ANSA) - NEW YORK, 3 AGO - Il New York Times Company ha annunciato la vendita del quotidiano The Boston Globe e di tutti gli altri suoi media nel New England a John W. Henry, proprietario della squadra di baseball dei Boston Red Sox. Il quotidiano ritorna così sotto il controllo di un imprenditore locale, dopo un ventennio di difficoltà registrato nelle vendite e profitti. La portavoce del Nyt, Eileen Murphy, ha confermato che Henry pagherà 70 milioni di dollari per il quotidiano, un calo drastico nella valutazione del Globe, che nel 1993 fu acquistato dal New York Times per 1,1 miliardi di dollari, il prezzo più alto mai pagato per un quotidiano americano. DAC 03-AGO-13

Bg, il quotidiano popolare The Sun lancia il sito a pagamento: 2 sterline a settimana

(ANSA) LONDRA, 1 ago - La versione online del tabloid The Sun diventa da oggi a pagamento. Il servizio si chiama “Sun+” e l’abbonamento costa due sterline a settimana. L’editore Rupert Murdoch aveva annunciato la decisione lo scorso marzo, affermando che i costi della versione gratuita non potevano più essere sostenuti. Il Sun, che si definisce il quotidiano più popolare della Gran Bretagna, ha una tiratura di 2,3 milioni di copie e vanta 1,7 milioni di visite sul suo sito ogni giorno. Anche il Times, altro giornale di proprietà del magnate australiano, e il Daily Telegraph avevano scelto di diventare a pagamento. Z08/ SoOA QBXB

Mega fusione Omnicom-Publicis. Nasce il numero uno mondiale della pubblicità che scalza Wpp

(MF-DJ) La statunitense Omnicom Group e la francese Publicis, rispettivamente al secondo e terzo posto tra le maggiori società pubblicitarie al mondo, hanno siglato un accordo di fusione alla pari che darà vita ad una nuova entità da 35,1 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato e quasi 23 miliardi di fatturato.  La nuova società, informa un nota congiunta, prenderà il nome di Publicis Omnicom Group e verà inizialmente guidata dagli amministratori delegati delle due aziende. In una seconda fase, che avrà inizio dopo 30 mesi dalla definizione dell’accordo, il Ceo di Publicis Maurice Levy assumerà la carica di presidente non-esecutivo, mentre quello di Omnicom, John Wren, manterrà il ruolo di amministratore delegato. Leggi tutto »

Condividi contenuti