Al via la revisione dell’Albo per i pubblicisti

ODG LOMBARDIA NEWSLETTER

Ordine dei Giornalisti - Consiglio regionale della Lombardia

Al via la revisione dell’Albo per i pubblicisti

Newsletter n. 14 del 15 Aprile 2009

di Letizia Gonzales

Cari colleghi,
a giorni riceverete il nuovo numero di New Tabloid. Nel frattempo ci sono però importanti novità che desidero condividere con voi.

• Abbiamo firmato finalmente l’accordo con l’Università Statale di Milano per il rilancio della nostra scuola di giornalismo
• Il positivo avanzo di bilancio del 2008 ci permetterà di attuare nuove iniziative a favore di tutti gli iscritti e in particolare dei più disagiati
• Il Consiglio ha deliberato di procedere alla revisione dell’Albo dei pubblicisti.

Stiamo poi mettendo in cantiere corsi di aggiornamento, convegni e altri progetti di cui vi parlerò cammin facendo. Ma andiamo con ordine. Prima di illustrare nel dettaglio i punti sopra elencati, vi segnalo che la giornata dell’informazione che era prevista per il 18 aprile è slittata il prossimo 9 maggio (il programma dettagliato nella prossima newsletter).

QUOTE D’ISCRIZIONE ALL’ORDINE: L’ESATRI È DI NUOVO IN RITARDO
C’È TEMPO 30 GIORNI DAL RICEVIMENTO DEL BOLLETTINO

La consegna dei bollettini per il pagamento delle quote annuali d’iscrizione all’Ordine è in ritardo a causa di gravi disguidi dell’Esatri, ente deputato alla riscossione delle quote stesse. L'avviso di pagamento bonario che doveva arrivare già a febbraio/marzo tramite posta alla residenza anagrafica dei nostri iscritti, in realtà, sta subendo, ancora una volta, un incredibile ritardo per problemi che non rientrano in alcun modo con l'organizzazione dei nostri uffici. Proprio in questi giorni abbiamo avuto un incontro con i dirigenti dell’Esatri per sollecitare e chiarire la questione. La scadenza per il pagamento della quota 2009 di € 100 (50 per i pensionati) che era già slittata al 30 aprile (anziché il 31 marzo) è comunque da considerarsi a 30 giorni dal giorno di ricevimento del bollettino di pagamento dell’Esatri. Una volta ricevuto il bollettino, il pagamento potrà essere effettuato, comunque, attraverso le seguenti modalità: ricevitorie Sisal, sportello esattoriale, per telefono con carta di credito-servizio Taxtel al numero 800.191.191 o con il servizio online su www.taxtel.it (cliccando la voce "Ordini professionali"), attraverso le agenzie bancarie e postali utilizzando i bollettini Rav o ancora tramite addebito dell'importo sul conto corrente bancario-Rid. Nel caso invece non dovesse arrivare alcunché dall'Esatri allora gli iscritti possono provvedere al pagamento della quota annuale o tramite conto corrente postale numero 36470201 oppure tramite la Banca Intesa San Paolo agenzia n. 4232 di piazza Duca d'Aosta (Milano) codice Iban IT95B0306909473211410200126 intestato a Ordine dei giornalisti Consiglio regionale Lombardia, specificando "quota 2009".

FIRMATA LA CONVENZIONE CON L’UNIVERSITÀ STATALE
PER RILANCIARE LA SCUOLA DI GIORNALISMO.

Il 6 aprile l’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha firmato con l’Università Statale di Milano una convenzione per il rilancio della nostra scuola di giornalismo, l’Ifg. Si chiude così un delicato capitolo che ci ha visti impegnati fin dall’inizio del nostro mandato. Quando era nato l’Ifg Carlo De Martino, nel 1974, era l’unica alternativa in Italia alla tradizionale via d’accesso. E lo è stata per anni. Anche dopo l’apertura delle numerose scuole in varie regioni d’Italia perchè offriva la possibilità di frequenza gratuita a 40 alunni. Oggi non è più così. E’ mutato radicalmente il contesto del lavoro giornalistico e cambiato l’accesso alla professione con 21 master promossi dalle maggiori università italiane. In più, il tradizionale sponsor  economico della Scuola, la Regione Lombardia che si rinnova nel 2010 non è in grado di poter garantire  quei  finanziamenti che così generosamente hanno contribuito per anni a sorreggere  l’Istituto. La sede, di proprietà della Regione  è stata venduta. Occorrono cospicui investimenti,  programmi tecnologicamente all’avanguardia, spazi e strumenti che consentano una preparazione  adeguata   al mestiere del giornalista oggi più che mai navigatore fra i molti modi di fare informazione. Ed alta competenza intellettuale. La nostra Scuola che è stata un vero laboratorio per tanti bravissimi colleghi (la meglio gioventù della Lombardia e non solo era sui banchi della De Martino)  aveva bisogno di un rilancio anche per competere con gli altri master promossi dalle università  lombarde.  Così è nata l’ipotesi di un’adozione da parte dell’Università Statale di Milano promossa e sostenuta da Carlo Maria Lomartire, presidente dell’Associazione Walter Tobagi che gestisce l’Ifg e da tutto il Consiglio dell’Ordine. Il  progetto della convenzione   è stato  poi sottoposto  all’approvazione del  Presidente nazionale Lorenzo Del Boca e del Segretario Enzo Iacopino che hanno accolto la proposta.  Così si è formalizzato  un matrimonio annunciato  già qualche anno fa quando  era stata percorsa la stessa strada senza tuttavia arrivare ad una conclusione. Oggi invece è nato  un nuovo soggetto di insegnamento,   che nelle intenzioni dell’Ordine, dell’Associazione  Walter Tobagi e della stessa Statale sarà un punto di riferimento di eccellenza nel campo della formazione giornalistica. L’Ifg verrà  ridenominata “Scuola di  Giornalismo Walter Tobagi dell’Università degli Studi di Milano” e avrà un corso biennale, come prevede il “Quadro di Indirizzo” dell’ordine nazionale. La convenzione dura due anni dalla data della stipula e potrà essere rinnovata per atto scritto alla scadenza.  Gli alunni saranno 30, dieci  di meno  quindi dell’attuale  Scuola.

BILANCIO POSITIVO: 307 MILA EURO DI AVANZO NEL 2008

Quello del 2008 è stato il  primo bilancio di un  intero anno di gestione  del nuovo Consiglio da me presieduto. E’ stata una gestione prudente, quella di quest’ anno , tanto prudente nelle spese generali dell’Ente da aver determinato un attivo superiore alle aspettative. Ben 307.974, 70 euro con un aumento  del 37,11%  rispetto al 2007.

Badate bene che questo risultato positivo non è dovuto all’incremento delle nuove  iscrizioni  nei nostri elenchi, che hanno registrato un rallentamento del 17,2% e sono  passate da 360 nel corso del 2007 a 298 nel 2008, bensì  ad una gestione molto oculata delle spese correnti. Minori parcelle legali e un’attenta razionalizzazione di tutte le spese di funzionamento hanno consentito questo ragguardevole attivo, il migliore  da 20 anni a oggi . Grazie a questo risultato e con la sicurezza della solidità economica potremo ora mettere in cantiere una serie d’iniziative a favore della categoria, con particolare attenzione alle fasce più deboli. Mai come in questo momento infatti il settore dell’informazione, purtroppo non l’unico, è stato investito da una crisi economica senza precedenti che si somma alla grande trasformazione tecnologica che  ha inciso  sull’organizzazione del lavoro del giornalista : testate che chiudono, riduzione dei già bassi compensi dei collaboratori, ridimensionamenti e ristrutturazioni rischiano di aumentare la precarietà e la disoccupazione. Per questo motivo abbiamo deciso di utilizzare una parte consistente dell’avanzo di esercizio che abbiamo avuto con il bilancio 2008 a iniziative in favore dei colleghi in difficoltà. In particolare contiamo di utilizzare 120 mila euro per corsi di aggiornamento professionale e 30 mila per un Fondo condono quote dei colleghi più disagiati.

TERREMOTO: STANZIATI 10 MILA EURO A FAVORE DELL’ORDINE DELL’ABRUZZO

Nella riunione del 7 aprile il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha deliberato di stanziare 10 mila euro a favore dei colleghi dell’Ordine dei giornalisti dell’Abruzzo. L’assegno verrà consegnato all’Ordine nazionale che ha il compito di gestire i fondi provenienti anche da altre regioni. L’Ordine dei giornalisti della Lombardia è vicino tutti coloro che stanno vivendo giornate drammatiche a causa del terremoto. L’impegno e il lavoro di tanti valenti colleghi sia di sprone e buon auspicio affinché una terra così ricca di storia e di gente tenace e operosa non perda la speranza del futuro. In particolare tutto il Consiglio della Lombardia, a nome di propri iscritti, esprime cordoglio al collega Giustino Parisse, capo della redazione dell’Aquila del quotidiano Il Centro, che in queste tragiche circostanze ha perso il padre e due figli (Domenico di 18 anni e Maria Paola di 16 anni) deceduti per il crollo della casa di famiglia a Onna.

REVISIONE ALBO DEI PUBBLICISTI

Su invito dell’Ordine nazionale, il Consiglio dell’Ordine della Lombardia ha deciso di avviare la revisione dell’Albo dei pubblicisti. I termini della revisione riguardano tutti coloro che sono iscritti nel periodo compreso dal 1995 al 2006 mentre sono esclusi coloro che risultano iscritti da prima del maggio 1994 e quelli dopo il maggio 2007. I pubblicisti riceveranno una comunicazione per presentare il materiale giornalistico dell’ultimo biennio (tutto il lavoro deve essere pubblicato su testate registrate in Tribunale con un direttore responsabile iscritto nell’elenco dei professionisti o pubblicisti), i pagamenti che certificano l’attività svolta nel biennio e la dichiarazione del direttore responsabile iscritto nell’elenco professionisti o pubblicisti. Nell’ambito della revisione si procederà anche a spedire una lettera a tutti i morosi che entro 30 giorni dalla ricevuta della comunicazione devono sanare la passività pena la cancellazione dall’elenco.

REDATTORE SOCIALE: IL 23 APRILE LA TERZA EDIZIONE MILANESE

Da ultimo voglio segnalarvi che il 23 aprile si terrà, a Milano, la terza edizione di Redattore Sociale, il seminario della Comunità di Capodarco e dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia organizzato in collaborazione con Cnca Lombardia, Anffas Milano, Ledha, Agenzia Redattore Sociale, Terre di Mezzo e Affariitaliani.it. “In mare aperto. Le notizie sociali e una professione nella tempesta”: questo il titolo del seminario che si svolgerà, questa volta, al Villaggio Barona, in via Zumini 6, a Milano. Nel sociale ci sono notizie che spesso non si vedono o non vengono considerate dominanti. Il problema è riconoscerle, seguirle, trattarle con competenza. Di tutto questo e di altro ancora si parlerà durante la giornata di lavoro.  All’inizio del seminario andrà versato alla segreteria un contributo unico di 20 euro per i materiali e il pranzo. La partecipazione è gratuita per gli allievi delle scuole di giornalismo. La scadenza per le iscrizioni è il 18 aprile. Per informazioni: 0734/68.10.01 oppure alla e-mail seminariomilano@redattoresociale.it. Il programma dettagliato del seminario è sul nostro portale www.odg.mi.it.

 

Letizia Gonzales
Presidente
Ordine dei Giornalisti
della Lombardia

www.odg.mi.it