Formazione: i numeri del 2015 e l’accordo con Google Italia - Newsletter n° 1-2016

Vedi sul Browser | Aggiorna Profilo
Ordine dei giornalisti della Lombardia
 
  Newsletter n° 1-2016 Formazione: i numeri del 2015 
e l’accordo con Google Italia
 
 
 
 

Care colleghe, cari colleghi,

il 2015 è stato il primo anno pieno nel quale abbiamo potuto sperimentare i corsi di formazione, la cui frequenza, come sapete,  è obbligatoria (lo stabilisce il decreto 137/2012). L’obbligatorietà è scattata il 1° gennaio 2014, anche se la piattaforma informatica nazionale Sigef (a cui è stato affidato l’incarico dall’Ordine nazionale) è entrata in funzione solo a luglio dello stesso anno. Sappiamo che il 2014 è stato un anno problematico. L’Ordine dei giornalisti della Lombardia – pur con gli organici di un ente pubblico bloccati – ha messo in campo uno sforzo senza precedenti per agevolare il più possibile la partecipazione dei colleghi alla formazione permanente, che prevede l’acquisizione di 60 crediti nel triennio 2014-2016. A riprova ci sono i numeri: nel solo 2015 l’offerta dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia è stata di ben 405 corsi di formazione a Milano e in tutta la regione, da Sondrio a Cremona, da Varese a Mantova, frequentati – sempre e solo in un anno, il 2015 -  da 11.330 colleghi iscritti in Sigef (esclusi i pensionati non in attività che hanno diritto all’esenzione). Per i corsi dell’Ordine della Lombardia - esclusi quelli aziendali e quelli organizzati da enti formatori terzi – abbiamo certificato la presenza, in un anno, di poco più di 30 mila partecipanti. Sappiamo che la ricerca dei corsi in Sigef è talvolta difficoltosa, e spesso i posti disponibili risultano esauriti. Il problema maggiore è il reperimento di sale sufficientemente capienti, in grado di ospitare un numero consistente di partecipanti. Per questo motivo stiamo concludendo accordi con enti e associazioni per avere la disponibilità di nuove sale di grandi dimensioni. Speriamo, in questo modo di favorire il maggior numero possibile di colleghi, razionalizzando così l’organizzazione complessiva. E proprio a questo proposito voglio ricordare a chi si iscrive a un corso e poi si trova nell’impossibilità di partecipare, di cancellarsi in tempo utile, in modo da consentire a chi è in lista d’attesa di potersi iscrivere al suo posto.

 
 
 
 
 
 
 
 

La certificazione delle presenze ai corsi spetta all’Ordine regionale

 

La formazione è una cosa seria. Voglio quindi cogliere l’occasione per ribadire che nessuno, al di fuori del personale dipendente dell’Ordine regionale, è legittimato a raccogliere firme che certifichino le presenze dei colleghi ai corsi: lo stabilisce l’articolo 7 del Regolamento approvato il 28 febbraio 2015 dal Ministero della Giustizia, a proposito di Formazione permanente dei giornalisti, che attribuisce il compito di certificazione solo ed esclusivamente agli Ordini regionali. Inoltre la prenotazione deve avvenire sulla piattaforma informatica Sigef. Chi firma fogli non riconosciuti dall’Ordine dei giornalisti della Lombardia non potrà veder riconosciuti i crediti formativi. Ricordo che l’Ordine è un ente pubblico (D. Lgs n. 165/2001) ed è tenuto - come tutti i suoi iscritti - al rispetto rigoroso delle leggi.

 
 
 
 
 
 
 
 

Accordo Google - Ordine giornalisti Lombardia

 

L’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha siglato un accordo con Google Italia che prevede la possibilità di frequentare alcuni corsi di formazione di livello base e avanzato, nella sede di Google, in via Confalonieri  4, a Milano. Questi i titoli dei corsi previsti: “Storytelling digitale: cercare le informazioni in rete, verificarle, condividerle in modo sicuro”; “Data journalism: come costruire una storia e partire dai dati”; “Costruire tabelle e grafici interattivi per i propri siti”; “MyMaps e le mappe di intensità” . I corsi saranno successivamente replicati anche nelle sedi di alcune province lombarde. Le date saranno presto consultabili sulla piattaforma informatica Sigef.

 
 
 
 
 
 
 
 

Quote annuali d’iscrizione invariate per il 2016: come e dove pagare

 

Anche per il 2016 la quota associativa resta invariata a 100 euro (50 euro per gli iscritti che usufruiscono di pensione di vecchiaia o invalidità). La scadenza per il pagamento è il 31 gennaio 2016. Oltre questa data, scatta una mora del 10%. Come ogni anno, sarà Equitalia a inviare l’avviso bonario tramite posta. All’interno della lettera (in distribuzione in questi giorni) è contenuto il bollettino Mav già compilato con l’indicazione delle modalità di pagamento. Riepiloghiamo i possibili canali che si possono utilizzare:

1. Ricevitorie Sisal, Lottomatica e Tabaccai convenzionati con Banca ITB
2. Sportelli di Equitalia Nord S.p.A. di Milano e provincia 
3. Internet sul sito www.gruppoequitalia.it - Cittadini - Pagamenti - Paga on line - Paga il Bollettino RAV

oppure:

4. Agenzie bancarie e postali, utilizzando i bollettini Rav
5. Addebito dell’importo sul conto corrente bancario, esclusivamente per i contribuenti che hanno già aderito all’ex RID, sostituito dalla nuova procedura SEPA-SDD; per modificare la domiciliazione bancaria inviare un fax allo 06.95050957 oppure una mail a ridlombardia@equitalianord.it
6. Per informazioni sugli avvisi o sulle cartelle di pagamento di Equitalia Nord S.p.A. ci si può rivolgere al  numero verde 800.178.090 (dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle 16.00, da cellulare chiamando lo 02.64161703).

Un’ultima avvertenza. Il mancato pagamento della quota annuale non implica la cancellazione automatica dall’Albo: la cancellazione va sempre chiesta per iscritto.

Per ogni  informazione in merito, potete comunque inviare una mail all’indirizzo informatica@odg.mi.it.

 
 
 
 
 
 
 
 

Dichiarazione dei redditi, assistenza fiscale gratuita 
agli iscritti con reddito inferiore a 21 mila euro

 

Come per gli anni passati, è a disposizione degli iscritti il servizio di assistenza fiscale per la compilazione della Dichiarazione dei redditi e la compilazione dell'Imu. La consulenza, con la compilazione delle dichiarazioni, è curata dal dottor Salvatore Gentile dello Studio Marcianesi & Partners, che riceve (nella sede dell’Ordine della Lombardia, via Antonio da Recanate 1, Milano) tutti i mercoledì dalle ore 11 alle 13. I colleghi in regola con il pagamento delle quote annuali e che intendono usufruire di questa consulenza, dovranno prenotare un appuntamento con il fiscalista telefonando allo 02.6771371. 
La riservatezza dei dati è garantita in base alle leggi vigenti. Su delibera del Consiglio dell’Ordine, come lo scorso anno il servizio di assistenza fiscale per le dichiarazioni dei redditi è gratuito per chi ha un reddito annuale inferiore a 21mila euro, mentre per i colleghi che superano questa soglia di reddito è previsto il pagamento di 35 euro per l’assistenza e la compilazione del Modello 730, e di 70 euro per il Modello Unico.

 
 
 
 
 
 
 
 

Claudio Lindner nuovo vice direttore 
del Master in giornalismo “Walter Tobagi”

 

Si è insediato in questi giorni il nuovo vice direttore del Master in giornalismo “Walter Tobagi”, Claudio Lindner. Giornalista professionista dal 1982, laureato in Economia all’Università Bocconi di Milano, fin dall’inizio della sua carriera si è occupato di economia e finanza. Gli esordi nelle prime emittenti radiofoniche libere, il successivo lavoro all’agenzia di stampa “Radiocor” per finire al quotidiano “Il Sole-24 Ore” e al “Corriere della Sera”, dove ha lavorato per tredici anni (dal 1990 al 2003), ed è stato tra l’altro anche corrispondente da New York e inviato da Bruxelles. Ha quindi lavorato un anno a “Panorama”, ed è stato vice direttore del settimanale “L’Espresso”. Claudio Lindner lavorerà in tandem con Venanzio Postiglione, vice direttore del “Corriere della Sera”, e direttore dei contenuti giornalistici del Master. L’attuale biennio del Master è il sesto, da quando, nel 2009, è stato varato il nuovo corso, grazie a un accordo tra Ordine dei giornalisti della Lombardia e Università Statale di Milano. Il Master - che oggi ha sede nel Polo di Mediazione interculturale e Comunicazione dell’Università degli studi di Milano, in piazza Indro Montanelli  1, a Sesto San Giovanni - è il naturale erede dello storico Istituto Carlo De Martino per la formazione al giornalismo, la prima scuola di giornalismo nata in Italia, fondata a Milano il 27 novembre 1974. Claudio Lindner raccoglie il testimone da Raffaella Calandra, inviata di “Radio 24-Il Sole24 Ore” precedente vice direttrice del Master.

 
 
 
 
 
 
 
 

L’Orchestra Verdi invita i giornalisti al Concerto del 30 gennaio 
all’Auditorium di Largo Mahler

 

Come da tradizione l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi vuole inaugurare la nuova Stagione con un concerto aperto ai giornalisti iscritti all’Ordine della Lombardia. Il concerto si terrà sabato 30 gennaio alle ore 20 presso l’Auditorium di Largo Mahler. L’evento è decisamente particolare, perché si tratta del raro Concerto gregoriano per violino e orchestra di Ottorino Respighi,  (solista Luca Santaniello, primo violino della Verdi). In programma anche l’Ouverture in Fa maggiore (versione 1866) di Čajkovskij e la Seconda Sinfonia di Schumann. A dirigere la Verdi, alla vigilia della tournée dell’Orchestra a Salisburgo, sarà il Maestro Oleg Caetani. I giornalisti che vogliono usufruire del biglietto omaggio devono prenotarsi entro giovedì 28 gennaio (specificando se accompagnati) all’indirizzomassimo.colombo@laverdi.org
E’ indispensabile la prenotazione. I biglietti potranno poi essere ritirati direttamente in Auditorium al banco ospiti, la sera del concerto a partire dalle ore 19.

 
 
 
 
 
 
 
 

Un cordiale saluto a tutti
Gabriele Dossena
Presidente Ordine giornalisti Lombardia

 
 

 

Ordine dei giornalisti della Lombardia

Via A. da Recanate, 1
20124 Milano (MI) tel: 02 6771371
www.odg.mi.it - odgmi@odg.mi.it
Se non vuoi più ricevere email per favore rimuovi l'iscrizione © 2016 Ordine dei giornalisti della Lombardia, Tutti i diritti riservati