Un anno dopo

ODG LOMBARDIA NEWSLETTER

ODG

UN ANNO DOPO

Newsletter n. 8 del 9 Luglio 2008

di Letizia Gonzales

Cari colleghi, è già  passato un anno dalle nostre elezioni. Un anno che si è chiuso positivamente con i dati di bilancio approvati all’unanimità  nell’assemblea  generale del 27 marzo scorso al Circolo della stampa. Un anno che è servito a rifondare il giornale New Tabloid, a ristrutturare il portale (www.odg.mi.it) a mandarvi questa news letter ogni due mesi. A rendere più fluido il lavoro agli sportelli, valorizzando le qualità dei dipendenti con i quali affronteremo nel 2009 un progetto di razionalizzazione e potenziamento del sistema informatico dei nostri uffici. E per quanto riguarda la nostra Scuola di giornalismo che ha ereditato dalla passata gestione una situazione economica “impegnativa” è stato necessario  ahimé un faticoso e delicato anno per rendere   stabile  il gruppo dirigente  che può contare oggi  su un solido Presidente, Carlo Maria Lomartire e su un affermato Direttore, Enrico Regazzoni,  in grado di garantire il sereno compimento del biennio in  corso. Le valutazioni per il futuro della Scuola  sono “work in progress”, come si usa dire. Vi daremo notizie nei prossimi mesi, dopo aver incontrato i rappresentanti della Regione, il nostro principale finanziatore, ma anche chi, nelle altre  istituzioni come Provincia e Comune ha a cuore il futuro di Ifg.

INIZIATIVE CULTURALI

Le borse di studio destinate ai freelance sono state fino a oggi 17. Tre per l’incontro internazionale a Nairobi sui conflitti in Africa. Dieci per il corso di giornalismo investigativo in corso in questi giorni. Quattro per i tre giorni a Riccione in occasione del premio Ilaria Alpi. Non sono molte ma vogliono essere un segno significativo di interesse nei confronti di tutti i giovani che non possono contare su rapporti continuativi con le redazioni, dove si cresce  in esperienza  e qualità professionale. Abbiamo voluto inaugurare, con queste borse di studio, un nuovo filone di iniziative al servizio dei freelance. Contiamo comunque di continuare a investire su questo settore mano a mano che ci si presentano occasioni interessanti di aggiornamento culturale.

I convegni. Abbiamo promosso quello dedicato ad Anna Politovskaia nello scorso mese di ottobre. Il Seminario di formazione per giornalisti a partire dai temi del disagio e delle marginalità, che si è tenuto lo scorso anno alla Cascina Biblioteca al parco Lambro.  Patrocinato l’importante conferenza  internazionale di sociologia del diritto, presieduta dal prof. Vincenzo Ferrari, ordinario di sociologia del diritto e responsabile dei rapporti internazionali  dell’Università  Statale di Milano.in collaborazione con l’Università di Insubria, in corso in questi giorni a Milano e a Como, sui media nella società del rischio. Tema attualissimo con l’avvento dei blog dove iniziano a nascere i primi problemi di deontologia professionale per i giornalisti.

Ma soprattutto per il primo ottobre stiamo organizzando nell’Aula magna dell’Università Statale di Milano, messa a disposizione gratuitamente dall’ateneo (dalle 9.30 alle 14) il convegno intitolato “Il FUTURO DEL GIORNALISMO, le notizie, le idee, gli italiani, la pubblicità”. Il Convegno al quale hanno aderito Ferruccio de Bortoli, Carlo Verdelli, Maurizio Belpietro, Rosanna Massarenti, Enrico Carelli, Paolo Mieli (deve confermare)  Roberto Natale, Lorenzo Del Boca prende spunto  da una ricerca (la prima nel suo genere in Italia) che l’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha commissionato al sociologo ricercatore (nonché giornalista) Enrico Finzi,  modulata in tre sezioni. La prima misura la percezione sociale del giornalista. La seconda che guarda al futuro dei giornalismi  determinati dalle  nuove tecnologie. La terza che esprime il bisogno non solo dei lettori ma anche della parte più sensibile degli investitori pubblicitari, di un’informazione autorevole, altamente qualificata che aggiunge  qualità alla pubblicità. Enrico Finzi aprirà i lavori presentando l’indagine completa di proiezioni e dati e gli ospiti invitati commenteranno i risultati di questo primo osservatorio sulla nostra professione. Moderatore Enrico Regazzoni, Direttore della nostra Scuola di giornalismo. Questa iniziativa vuole essere una consuetudine da ripetere una volta all’anno per riflettere sulla nostra professione non soltanto nel chiuso di alcune liste di dibattito particolarmente vivaci, ma anche di fronte al pubblico più ampio di lettori ed investitori dei nostri media.

SAVE THE DATE !

Gli inviti saranno distribuiti attraverso l’edizione di New Tabloid del mese di settembre, ma vi invito a segnare in agenda subito  la data di mercoledì 1 ottobre, per partecipare numerosi al convegno aperto a tutti.

Premi di giornalismo. Anche quest’anno l’Ordine ha patrocinato il premio Mauro Gavinelli, dedicato ad un giovane cronista lombardo ed il premio organizzato dal Gruppo cronisti della Lombardia, in ricordo di Guido Vergani che premia le inchieste più interessanti, apparse sulle radio-tv e sul web oltre che  sulle pagine  locali dei quotidiani.

Altre iniziative: Seguendo il filone della formazione professionale e degli strumenti a disposizione dei colleghi che fanno cronaca giudiziaria, abbiamo regalato un computer (completo di postazione di lavoro presso la Questura di Milano) al Gruppo Cronisti Lombardo, con il quale s’è instaurato un nuovo e positivo rapporto di collaborazione.

CORSI DI AGGIORNAMENTO

Prenderà il via il 12 e il 13 settembre il primo corso di aggiornamento sulla multimedialità. E’ aperto a 16 colleghi freelance, gratuito per i disoccupati iscritti nelle liste di disoccupazione mentre  costa invece 30 euro per  tutti gli altri. Sono due giorni a tempo pieno (9\13-14\18) ed avrà luogo nella sede della Scuola di giornalismo Ifg, in via Fabio Filzi, 17. Programma, modalità di iscrizione (entro fine agosto) e strumenti accessori tecnologici  per poter partecipare al corso,   li troverete sul sito.

E’ allo studio anche un altro corso breve di due giorni dedicato solamente  alla deontologia professionale. La conoscenza delle regole e delle  leggi è più che mai necessaria per affrontare il difficile e delicato  mestiere del cronista. Ma il corso vuole essere anche un momento di incontro per tutti coloro che vogliono essere aggiornati in una fase   così delicata  per la nostra professione. Ne daremo notizia sul sito, appena avremo concordato con i docenti il calendario delle lezioni.

A fine settembre infine prende il via  il corso di preparazione per i praticanti che affrontano l’esame di stato. Quest’anno finalmente con il computer e non più con la vecchia archeologica macchina da scrivere. Anche in questo caso, programma e date le troverete sul sito.

IN CONCLUSIONE

L’attività del Consiglio è molto intensa e dinamica, nonostante il rallentamento subito nell’affrontare il riordino dell’ente. Ma questo era da mettere in conto. Mi auguro che adesso dopo un primo anno di presa di visione della complessa macchina ordinistica, visto lo spirito di servizio che anima tutti i Consiglieri si possa tener fede fino in fondo ai programmi annunciati durante la campagna elettorale. Con trasparenza e disponibilità.

 

Letizia Gonzales

Presidente

Ordine dei Giornalisti

della Lombardia

www.odg.mi.it