Norme per presentare ricorso al Consiglio nazionale


Stralcio Legge 3.2.1963 n. 69

Art. 59 - Ricorso al Consiglio nazionale

Le impugnazioni previste dagli artt. 8 e 16, ultimo comma, e 60, primo comma, della legge, escluse quelle proposte dal pubblico ministero, si propongono con ricorso redatto su carta da bollo, entro i termini rispettivamente indicati ei suddetti articoli della legge. Qualora il ricorso sia redatto su fogli bianchi, l'obbligo prescritto può essere ottemperato apponendo apposite marche da bollo (non sono valide quelle giudiziarie) ogni 100 righe, ai sensi di quanto stabilito dal D.P.R. 26.10.1972 e successive modificazioni.
I termini per la presentazione dei ricorsi sono perentori.
Nei ricorsi in materia elettorale, di cui agli articoli 8 e 16 della legge, su domanda del ricorrente, proposta nel ricorso o in successiva istanza, il Consiglio nazionale può sospendere per gravi motivi l'esecuzione dell'atto impugnato.

Art. 60 - Le deliberazioni del Consiglio dell'Ordine relative alla iscrizione o cancellazione dall'Albo, dagli elenchi o dal registro e quelle pronunciate in materia disciplinare possono essere impugnate dall'interessato (e dal Pg) con ricorso al Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti (Lungotevere dei Cenci 8 - 00186 ROMA) nel termine di 30 GIORNI. Il termine decorre per l'interessato dal giorno in cui gli è stato notificato il procedimento.

Stralcio Regolamento (Dpr 4.2.1965 n.115)

Art. 60 - Il ricorso deve contenere i motivi su cui si fonda ed essere corredato:

a) - dall'indicazione degli estremi del provvedimento impugnato e, ove il ricorso riguardi la materia elettorale, degli estremi della proclamazione dei risultati elettorali;
b) - dai documenti eventualmente occorrenti a comprovare il suo fondamento;
c) - dalla ricevuta di versamento di € 6,71 (£. 13.000) stabilita dall'art. 1 del Decreto legislativo 13 settembre 1946 n. 261 (D.P. C.M. 21.12.1990, G.U. 31.12.1990 n. 303) da effettuarsi:

1)  presso il concessionario della riscossione o presso uno sportello bancario, utilizzando il mod. F23. Il codice ufficio da indicare è quello dell'Ufficio del Registro (sez. bollo) del luogo di residenza; il codice tributo è il 777 T.
Tale versamento non è richiesto per i ricorsi proposti dal pubblico ministero. In caso di mancato deposito della ricevuta, viene assegnato al ricorrente un termine per presentarla

d) - dall'indicazione del recapito al quale l'interessato intende siano fatte le eventuali comunicazioni da parte del Consiglio Nazionale.

Art. 61 - Il ricorso viene presentato al Consiglio Regionale in carta da bollo da €. 14,62 (£ 20.000) con allegate 3 copie in carta libera e un floppy contenente il testo dello stesso.
Il ricorso e gli atti del procedimento rimangono depositati presso il Consiglio per 30 giorni successivi alla scadenza del termine stabilito per il ricorso; durante detto periodo l'interessato può prendere visione degli atti, propone deduzioni ed esibire documenti; nei l0 giorni successivi è, inoltre, consentita la produzione di motivi aggiunti. Il Consiglio, decorsi i termini (30 gg + 10), deve, nei 5 giorni successivi, trasmettere il ricorso al Consiglio nazionale.

ALLEGARE:

1) assegno circolare - non trasferibile - dell'importo di € 250,00 (£. 240.097) intestato al Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti per spese relative al ricorso stesso.
2) assegno circolare o bancario dell'importo di € 31,00 (£ 60.024) intestato all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia.

Ricorso elettorale - Deve, invece, essere proposto, entro 10 giorni dalla proclamazione degli eletti, il ricorso elettorale (articolo 8 e 16 della legge professionale e articolo 59 del Regolamento per l'esecuzione della stessa legge). Il ricorso elettorale segue le procedure previste dagli articoli 60 e 61 del Regolamento. I tre versamenti sono identici.