Attualità

Attualità

Sostegno all’editoria, le parole di Morelli (Lega) sono condivisibili: Galimberti (OgL) sollecita un confronto trasparente sulla riforma della professione

“L’editoria è una grande risorsa per ogni Paese. Sono da cancellare le storture ma vanno tutelate le piccole grandi testate che hanno sempre fatto informazione di qualità e servizio pubblico. Concordo con le parole dell’onorevole Alessandro Morelli, responsabile della comunicazione della Lega, divulgate su Facebook e ribadite poi in un’intervista sui quotidiani di Andrea Riffeser. Questo tipo di attenzione da parte dei politici – a qualsiasi gruppo politico appartengano – al delicato tema dell’informazione e dell’editoria in Italia, dimostra una sensibilità e una volontà di confronto di cui apprezziamo intenti e finalità. Lo abbiamo detto commentando il post “Lunga vita ai giornalisti e ai loro giornali” del sindaco di Milano, Beppe Sala, e lo diciamo ora dopo l’intervento di Morelli della Lega”. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Alessandro Galimberti, interviene nel dibattito sui fondi per l’editoria e sull'ipotesi di abolizione dell’Ordine dei giornalisti, Leggi tutto »

Pronte le linee guida per la riforma dell’Ordine nazionale dei giornalisti

(Ansa) – Roma, 17 ottobre 2018 - Nuove modalità di accesso alla professione giornalistica, che prevedano accanto alla laurea anche un corso universitario di un anno; più vigilanza per l'iscrizione all'elenco dei pubblicisti, con un percorso biennale maggiormente documentato per verificare che non ci siano abusi e che l'attività sia svolta correttamente; il superamento del carattere di esclusività professionale, purché non ci sia conflitto di interesse; la regolamentazione del settore degli uffici stampa con l'istituzione di un registro. Infine il cambio del nome in Ordine del Giornalismo, affinché sia chiara la funzione di un'istituzione deputata, per legge, a garantire il diritto dei cittadini a essere informati nel rispetto dell'Art.21 della Costituzione. Sono i nodi centrali espressi nelle Linee Guida per la riforma dell'Ordine dei Giornalisti approvate a larga maggioranza la notte scorsa dal Consiglio Nazionale e presentate questa mattina a Roma.  Leggi tutto »

La scomparsa di Guido Columba. Il cordoglio di Galimberti (presidente OgL)

Questa notte è mancato Guido Columba, 72 anni, una carriera all’Ansa e una vita dedicata all’Unione nazionale cronisti italiani, di cui è stato presidente dal 1992 al 2015. Il cordoglio di Alessandro Galimberti, presidente dellOrdine dei giornalisti della Lombardia, che nel 2015, ha raccolto il testimone di Columba alla presidenza dellUnione nazionale cronisti italiani. Guido ha combattuto negli ultimi cinque anni contro una malattia che ne ha lentamente minato la resistenza fisica, non quella del suo spirito forte, silenzioso, sobrio e della dignità che è stato il tratto della sua esistenza. Leggi tutto »

Galimberti (presidente OgL) a Sala: "Caro sindaco, condivido: l'emergenza non è l'abolizione dell'Ordine ma la perseguibilità dei reati sul web"

Il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia, Alessandro Galimberti  ha inviato una lettera aperta al sindaco di Milano, Beppe Sala, dopo il post "Lunga vita ai giornalisti e ai loro giornali" caricato dallo stesso sindaco sul suo profilo Facebook. "Caro sindaco, ho apprezzato molto il Suo intervento su Facebook relativo al giornalismo, ai giornalisti e ai loro giornali. Sono convinto infatti che oggi più che mai - in epoca di idolatria del web e di una vera e propria emergenza mondiale delle democrazie a causa delle fake news - siano temi di grande attualità non tanto l’abolizione dell’Ordine dei giornalisti ma, al contrario, un rafforzamento della deontologia che regolamenta il giornalismo e la perseguibilità dei reati sul web - commenta Alessandro Galimberti
Leggi tutto »

L’assassinio della giornalista bulgara Victoria Marinova, una morte che indigna

Una morte orribile che ci indigna e ci addolora: Victoria Marinova, 30 anni, giornalista bulgara e conduttrice di un programma d’inchiesta televisivo, è stata brutalmente picchiata, stuprata e assassinata. Stava indagando su uno scandalo legato all’affidamento di fondi europei. La stessa storia, pubblicata da un Centro di ricerca giornalistico, aveva causato l’arresto di due reporter e minacce di morte al direttore. Uccisa come Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese del cui omicidio – ancora impunito – ricorre l’anniversario tra pochi giorni. Leggi tutto »

Condividi contenuti