Attualità

Attualità

Diffamazione a politici e a magistrati: cancellata la norma che prevedeva 9 anni di carcere per i giornalisti

I giornalisti sono salvi (per ora). Con il primo sì del Senato, è stata infatti ritirata la norma che prevedeva fino a 9 anni di carcere per i giornalisti che avessero diffamato politici e magistrati. Scompare così il reato di diffamazione a mezzo stampa dalla proposta di legge in materia di contrasto al fenomeno delle intimidazioni ai danni dei politici, degli amministratori locali e dei magistrati, approvato con 180 voti a favore, nessun contrario e 43 astenuti, fra i quali Lega e M5S. Ora il provvedimento passerà alla Camera dei Deputati.  Leggi tutto »

Intimidazioni ai colleghi Mattioni, Riboldi e Abbate. Il presidente dell'Ordine lombardo, Dossena, chiede un incontro al Prefetto

Si stanno intensificando preoccupanti episodi di intimidazione nei confronti dei giornalisti. Poco prima delle elezioni il sindaco di un Comune dell’hinterland milanese ha inoltrato un esposto al Prefetto chiedendo “un intervento urgente” dopo la pubblicazione di un’inchiesta, a firma Ersilio Mattioni e Sara Riboldi, sul settimanale Libera Stampa Altomilanese - di cui Mattioni è stato direttore - che parlava di una truffa immobiliare da 1,1 milione di euro. Ieri invece, tramite i social network e dopo mesi di insulti via web, sono arrivate minacce di morte a Carmelo Abbate, giornalista di Panorama e opinionista della trasmissione televisiva “Quarto Grado”, che sta seguendo il processo a carico di Massimo Bossetti, imputato per l’omicidio di Yara Gambirasio. Leggi tutto »

"Master in giornalismo multimediale" ecco i nuovi praticanti dello Iulm

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Gabriele Dossena, ha consegnato questa mattina, le tessere di praticante ai 15 allievi che hanno frequentato il 14° Master in giornalismo dello Iulm di Milano. I nuovi praticanti sono: Giorgia Argiolas, Carlo Audino, Chiara Beria, Lorenzo Brambilla, Angela Briguglio, Angelica Cardoni, Michela Cattaneo Giussani, Eugenia Fiore, Laura Gioia, Andrea Ienco, Federica Liparoti, Eleonora Nella, Massimo Sanvito, Cecilia Tondelli, Daniele Zinni. Durante la cerimonia di consegna della tessere, il presidente Dossena era accompagnato dal direttore del Master, Stefano Bartezzaghi, dal coordinatore dei laboratori delle testate giornalistiche, Ivan Berni e dal presidente della Scuola di comunicazione Iulm, Salvatore Carrubba.

"Formazione professionale obbligatoria" In vigore il nuovo Regolamento

Dal primo giugno 2016 è operativo il nuovo Regolamento per la formazione professionale continua (FPC) dei giornalisti italiani. Il testo (atteso e annunciato nei giorni scorsi) è ora pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 10 del 31 maggio 2016. La nuova regolamentazione razionalizza e semplifica le disposizioni vigenti, con modifiche che hanno accolto anche alcune proposte dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia e altre esigenze evidenziate nel corso della prima applicazione del sistema formativo introdotto dal 1° gennaio 2014. Leggi tutto »

Blitz al Senato in Commissione Giustizia: 9 anni a chi diffama politici e magistrati

La Commissione Giustizia del Senato ha approvato all’unanimità una norma che prevede il carcere fino a nove anni per il giornalista che diffama a mezzo stampa un politico o un magistrato. Chi invece scrive cose sbagliate su un cittadino viene condannato a sei anni di reclusione. Il Comitato esecutivo dell’Ordine dei Giornalisti, riunitosi a Roma, osserva che da un lato si sbandiera come già realizzata (ma di fatto insabbiata) l’abolizione del carcere per la diffamazione a mezzo stampa, dall’altro, con un blitz, si inaspriscono le pene determinando una disparità di trattamento tra politici e magistrati - che vengono considerati cittadini di serie A - e tutti gli altri. Leggi tutto »

Condividi contenuti