Attualità

Attualità

"Master in giornalismo multimediale" ecco i nuovi praticanti dello Iulm

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Gabriele Dossena, ha consegnato questa mattina, le tessere di praticante ai 15 allievi che hanno frequentato il 14° Master in giornalismo dello Iulm di Milano. I nuovi praticanti sono: Giorgia Argiolas, Carlo Audino, Chiara Beria, Lorenzo Brambilla, Angela Briguglio, Angelica Cardoni, Michela Cattaneo Giussani, Eugenia Fiore, Laura Gioia, Andrea Ienco, Federica Liparoti, Eleonora Nella, Massimo Sanvito, Cecilia Tondelli, Daniele Zinni. Durante la cerimonia di consegna della tessere, il presidente Dossena era accompagnato dal direttore del Master, Stefano Bartezzaghi, dal coordinatore dei laboratori delle testate giornalistiche, Ivan Berni e dal presidente della Scuola di comunicazione Iulm, Salvatore Carrubba.

"Formazione professionale obbligatoria" In vigore il nuovo Regolamento

Dal primo giugno 2016 è operativo il nuovo Regolamento per la formazione professionale continua (FPC) dei giornalisti italiani. Il testo (atteso e annunciato nei giorni scorsi) è ora pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 10 del 31 maggio 2016. La nuova regolamentazione razionalizza e semplifica le disposizioni vigenti, con modifiche che hanno accolto anche alcune proposte dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia e altre esigenze evidenziate nel corso della prima applicazione del sistema formativo introdotto dal 1° gennaio 2014. Leggi tutto »

Blitz al Senato in Commissione Giustizia: 9 anni a chi diffama politici e magistrati

La Commissione Giustizia del Senato ha approvato all’unanimità una norma che prevede il carcere fino a nove anni per il giornalista che diffama a mezzo stampa un politico o un magistrato. Chi invece scrive cose sbagliate su un cittadino viene condannato a sei anni di reclusione. Il Comitato esecutivo dell’Ordine dei Giornalisti, riunitosi a Roma, osserva che da un lato si sbandiera come già realizzata (ma di fatto insabbiata) l’abolizione del carcere per la diffamazione a mezzo stampa, dall’altro, con un blitz, si inaspriscono le pene determinando una disparità di trattamento tra politici e magistrati - che vengono considerati cittadini di serie A - e tutti gli altri. Leggi tutto »

Liberi professionisti, uno sportello informativo d'accesso a fondi Ue

Dal 18 maggio scorso è operativo lo sportello informativo riservato agli iscritti agli Ordini aderenti al Comitato Unitario delle Professioni (CUP) - tra cui l'Ordine dei giornalisti - che vogliono attingere ai fondi strutturali concessi dall 'Unione Europea ai liberi professionisti. Lo sportello telematica, approvato dal Cup e realizzato grazie alla collaborazione con il portale www.finanziamentinews.it , è a disposizione sul sito www.cuprofessioni.it. Leggi tutto »

Intervento del Cnog: la definizione "baby squillo" viola la Carta di Treviso

Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, riunito a Roma nei giorni 17, 18 e 19 maggio 2016, ha approvato all’unanimità il seguente ordine del giorno: “Il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei giornalisti ricorda a tutte le colleghe e ai colleghi che il Testo Unico dei doveri, approvato dal Cnog ed entrato in vigore il 3 febbraio 2016, ha riservato alla Carta di Treviso e a poche altre Carte, il privilegio di comparire come testo autonomo. L'uso reiterato che molte testate, televisive, cartacee e online, fanno della definizione "baby squillo", ad esempio, è un'inammissibile violazione di questa Carta. Le bambine sono le vittime e gli uomini che abusano di loro, i pedofili, sono i colpevoli. Per un reato così grave non ci sono attenuanti. Leggi tutto »

Condividi contenuti