Attività e Iniziative Ordine Lombardia

Attività e Iniziative Ordine Lombardia

Uffici stampa e uffici relazioni esterne: non ostacolare il diritto di accesso alle fonti dei colleghi giornalisti è un dovere deontologico per gli iscritti all'Albo

I giornalisti iscritti all’albo professionale sono tenuti a un comportamento di lealtà e di solidarietà nei confronti dei colleghi. Questo implica che qualsiasi discriminazione od ostacolo all’accesso alle informazioni può comportare conseguenze disciplinari a carico di coloro che, al posto di agevolare, escludono o limitano l’agibilità professionale dei colleghi. Il richiamo ai doveri di professionisti e pubblicisti che curano uffici stampa, o uffici di relazioni esterne di enti pubblici o società private, si rende necessario dopo diverse segnalazioni pervenute all’Ordine regionale lombardo nelle ultime settimane. Leggi tutto »

Federico Fubini reiscritto all’Albo. Lo conferma il presidente dell’Ordine lombardo, Alessandro Galimberti

Il giornalista professionista Federico Fubini ha presentato domanda di reiscrizione all’Ordine dei giornalisti della Lombardia e ha contestualmente sanato la sua posizione debitoria nei confronti dell’Ente. Lo comunica il presidente dell’Ogl, Alessandro Galimberti, sottolineando che – a norma dell’articolo  42 della legge professionale 69/63 – venuta meno la causa che aveva determinato la cancellazione, la reiscrizione del giornalista professionista opera retroattivamente. Leggi tutto »

Libero, il Consiglio dell'Ordine lombardo: “Nessuna censura, ma doveroso rispetto per le persone”

E’ durata circa un’ora, questa mattina, l’audizione informale del direttore di Libero, Pietro Senaldi, davanti al Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Senaldi era stato invitato per un colloquio (che non ha natura disciplinare, in quanto competenza esclusiva del Consiglio di disciplina territoriale)  a seguito delle ripetute segnalazioni pervenute al Consiglio da ogni parte d’Italia ad opera di cittadini, associazioni ed enti, tutte relative a titoli di apertura del quotidiano e concentrate su espressioni forti ed ambigue. Il presidente Alessandro Galimberti, a nome del Consiglio, ha spiegato al direttore di Libero che lo scopo del colloquio era ricordare e riaffermare i principi deontologici a cui ogni giornalista deve attenersi, anche e soprattutto nell’utilizzo del linguaggio: Leggi tutto »

Pietro Senaldi, direttore di Libero, convocato dall'Ordine lombardo

L'Ordine dei giornalisti della Lombardia ha convocato il direttore responsabile di Libero, Pietro Senaldi, per un'audizione davanti al Consiglio regionale. L'iniziativa è da ricollegare alle frequenti segnalazioni pervenute negli ultimi mesi all'Odg stesso e al Consiglio di disciplina territoriale relative alle modalità di titolazione del quotidiano diretto da Senaldi, nonché alla modalità di gestione di alcune notizie. La convocazione del Consiglio non ha finalità sanzionatoria - poiché il relativo potere è riconosciuto dalla legge in capo esclusivamente al Consiglio di disciplina territoriale - ma è da intendersi come momento di confronto e come tentativo di "moral suasion" sui principi e sulle norme - legislative e deontologiche - sulle quali si fonda la professione giornalistica.  Leggi tutto »

Il bilancio 2018 dell'Ordine lombardo chiude con un avanzo di 135 mila euro

Approvato, questa mattina, dall'assemblea degli iscritti, il bilancio consuntivo 2018 dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia si chiude con un avanzo di esercizio di € 135.160,09 e con un conto economico che ammonta a 2 milioni e 686.034,94 euro. Le spese più rilevanti hanno riguardato: le quote di competenza del Consiglio Nazionale, ammontanti a € 1.116.300,00, che rappresentano circa il 43,76% dei costi totali d’esercizio; le spese per il personale pari a € 624.966,57, il 24,50% circa del totale d’esercizio; l’affitto e le spese condominiali che ammontano a € 92.780,75, pari al 3,63% circa della spesa complessiva; le spese legali e le consulenze, così suddivise: spese legali e notarili €    3.424,30, gratuito patrocinio assistenza legale €  50.754,67, assistenza giudiziale €    7.107,29, gratuito patrocinio assistenza fiscale €    7.257,54, consulenze €  15.494,00, per un totale di € 84.037,80, pari al 3,29% circa del totale d’esercizio; le spese relative alle iniziative culturali e alla formazione obbligatoria, per un ammontare complessivo di € 168.027,13, pari a circa il 6,58% del totale delle uscite, così suddivise: 80 mila euro all’Awt (Master in giornalismo), 78.582,13 alla formazione e 9.445 alle iniziative varie. Risultano poi movimentati il Fondo solidarietà iscritti, con una riduzione di € 200,00 e il Fondo Svalutazione Crediti vs/cancellati/rottamati con un incremento di € 7.000,00. Il totale complessivo degli Accantonamenti iscritti a bilancio è dunque ora pari a  € 165.277,85. D’accordo con i sindaci, l’avanzo 2018 per un valore di € 135.160,09, sarà destinato a riserve che controbilanceranno le perdite degli esercizi precedenti. L'assemblea di bilancio dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia si è svolta nella sala convegni della Fondazione Atm, in via Farini 9. Leggi tutto »

Condividi contenuti